Temple Point Resort - Offerte All Inclusive Last Minute

Temple Point Resort

DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA Temple Point Resort :
... nella tranquillità della natura di fronte a uno splendido mare Il Resort si trova sulla punta di una penisola tra il Parco marino di Watamu e il braccio di mare di Mida Creek in un’oasi di tranquillità e relax con accesso diretto a due baie dalla sabbia bianca e finissima. Camere Dispone di 104 camere: 70 standard nel giardino e 34 con vista sulla baia, di cui 20 standard e 14 superior. Le camere sono distribuite in chalet con tetto in makuti che contengono ciascuno da 3 a 8 camere e sono dotate di doccia, bidet, aria condizionata, ventilatore a soffitto, minifrigo, bollitore per thè e caffè, asciugacapelli, TV satellitare, cassetta di sicurezza, terrazza o balcone. Ristoranti e Bar Il ristorante Clubhouse offre una raffinata selezione di cucina internazionale e spicialità tipiche africane con servizio a buffet; inoltre è presente una selezione quotidiana di curry speziati preparati con pesce locale freschissimo. Il ristorante "Starlight", operativo solo con alto tasso di occupazione, è il luogo perfetto dove gustare un'ottima pizza cucinata in forno a legna. Il Sunser Bar, animato punto di ritrovo, propone diversi tipi di cocktail tropicali, snack e, dalle 16 alle 18, tea-time gratuito. Il "Sunset" è il bistro dove approfittare di deliziosi stuzzichini, panini e insalate durante l'arco della giornata. Possibilità di riservare il padiglione "Honeymoon" per cene romantiche. Servizi Nel resort si trovano due piscine con acqua salata. Parecchie sono le attività sportive: dal tennis alla pallavolo e dal tiro con l’arco all’utilizzo dell’area fitness. Vi sono inoltre uno staff di animazione e la connessione Wi-Fi gratuita nelle aree comuni dell'hotel. A pagamento, si possono effettuare: canoa, immersioni, kite-surf, equitazione, gite in barca o catamarano e uscite per la pesca d'altura. Possibilità di organizzare safari.
Note: Molto importante: ATTENZIONE: PER ANNULLAMENTI NATALE/CAPODANNO/EPIFANIA PENALI DIVERSE DA QUELLE PUBBLICATE SUL CATALOGO
IL TRATTAMENTO DI ALL INCLUSIVE SOFT INCLUDE: * Prima colazione, pranzo e cena * Soft drinks e acqua durante i pasti * Una bottiglia d'acqua in camera * Thè, caffè e torta nel pomeriggio

Politiche della Struttura: Accettata DinersClub, Accettata AmericanExpress, Accettate VISA e MasterCard
LE CAMERE:

Caratteristiche delle Camere: Telefono con uscita diretta, Ventilatore da soffitto, Bollitore per thé o caffè, Minifrigo o Minibar (consumazioni opzionali salvo diversa specifica), Vista mare da alcune camere, Vasca da bagno e/o doccia, Vista giardino da alcune camere, Aria condizionata, Cassetta di sicurezza (opzionale salvo diversa specifica), Balcone/Terrazzo/Veranda/Giardino, Televisore con canali via satellite, Asciugacapelli
STRUTTURE E SERVIZI:
Caratteristiche e servizi disponibili presso la struttura: Servizio di lavanderia (Opzionale), Pizzeria, Accesso diretto alla spiaggia, Fornitura gratuita Teli Mare, Piscina per adulti, Snack bar, Servizio medico (opzionale), Campo da Tennis, Bar e/o Caffetteria, Noleggio biciclette, Sala conferenze (Opzionale), Animazione internazionale, Accesso ad internet opzionale (salvo diversa specifica), Struttura adatta a Famiglie, Struttura adatta a Viaggi di Nozze, Cucina internazionale, Piccola Palestra, Ristorante a buffet, Piccolo negozio interno, Cucina locale

LUOGHI DI INTERESSE ED ESCURSIONI:
…la nazione raccontata dai suoi popoli La vita umana ebbe inizio 3 milioni di anni fa nella selvaggia e remota striscia di terra dove il Kenya incontra l’Etiopia. Oggi, in quella stessa zona, visitando il Sibiloi National Park, restiamo incantati e sgomenti alla vista della natura meravigliosa del Kobi Fora Region dove l’Homo Habilis e l’Homo Erectus mossero i loro primi passi. In Kenya i ritrovamenti archeologici, geologici e paleontologici narrano la vita dei nostri antenati e degli animali che ci vivono: i grandi branchi di elefanti sono i lontani discendenti dell’estinto Behemoth qui rinvenuto. Così come nelle verdi acque del Lago Turkana, il “mare di giada”, nuotavano secoli fa gigantesche tartaruga e un’antica specie di coccodrillo. Ma è l’intera, incredibile ed indimenticabile nazione a raccontarci la sua e la nostra storia. L’Amboseli National Reserve è stato per oltre 400 anni dimora dei Maasai dai volti ieratici e dalle vesti colorate: oggi nella stagione secca il suo lago asciutto produce miraggi, e con il Kilimanjaro sullo sfondo, è un santuario per i rinoceronti, ghepardi e per i vasti branchi di elefanti. Questi grandi pachidermi rendono famoso anche il Mount Elgon National Reserve, quando la sera al calar del sole si addentrano nelle caverne per nutrirsi dei ricchi depositi salini. Continuiamo a ripercorrere le tappe della nostra storia: al tramonto vediamo stagliarsi all’orizzonte la snella sagoma di un leopardo mentre incantati ascoltiamo le leggende Samburu nel Samburu National Reserve o quando nel Mount Kenya National Park, il “luogo della luce” Kirinyaga in Kikuyu, circondati da foreste di bamboo, nevi equatoriali, duikers, riservati bongo, leopardi e bufali, i Kikuyu ci narrano la saga del Dio Ngai, l’essere supremo signore della natura e del cielo. Arrivando nel sud del Kenya, nel meraviglioso Tsavo National Park, dove sognanti udiamo le leggende degli Akamba mentre siamo contornati da ippopotami, barberls, antilopi, giraffe, grandi predatori e branchi di elefanti che amano giocare con la polvere rossa del fiume Galana. Sulle dolci e serene acque del Lago Victoria veniamo invece cullati dai racconti del popolo Luo; mentre nelle numerose riserve lungo la costa, dopo un safari sulla spiaggia a cavallo o un’immersione per nuotare con tartarughe e delfini, i pescatori ci delizieranno con storie di pirati e tesori perduti. Ma resteranno per sempre impressi nel nostro animo i giorni che trascorreremo in Kenya nel Masai Mara, nel territorio dei Maasai chiamato “il gioiello dell’Africa”: infinite pianure interrotte solo da dolci kopjes, dove il naturale equilibrio della vita dei grandi predatori, delle antilopi e della miriade di uccelli è ogni anno, tra fine giugno e settembre, alterato dall’arrivo di centinaia di gnu, zebre e gazzelle, che dopo aver lasciato la Tanzania attraverseranno i pericolosi fiumi per cercare cibo nelle verdi pianure del Kenya e dare qui vita e nutrimento ai loro piccoli.. Attraversato dall’equatore, il Kenya è uno dei paesi africani in cui paesaggi ed ecosistemi si alternano mirabilmente: al sud le vaste pianure del Masai Mara  sono il naturale proseguimento del Serengeti tanzaniano e tra giugno e settembre ospitano le migrazioni stagionali di migliaia di ungulati, oltre ad essere dimora stabile di tutti i grandi predatori e varie specie di antilopi. Sempre nel sud del Kenya si trova il Parco Tsavo, i cui 40.000 km2 sono amministrativamente divisi in due aree:  Tsavo Est  con i grandi branchi di elefanti, rinoceronti e coccodrilli giganti e le famose Cascate Lugard; e il più piccolo  Tsavo Ovest  un meraviglioso giardino naturale, dove oltre agli animali è possibile ammirare le bellissime fioriture della “rosa dal deserto” (simile ad un piccolo baobab dai fiori fucsia) e l’ipomea bianca e rosa; qui ci sono le Mzima Springs, sorgenti naturali che fanno parte del sistema acquifero del Kilimanjaro. Alle pendici del Kilimanjaro, è adagiato l’ Amoboseli National Reserve , il “posto dell’acqua” in lingua maasai, dove i palmeti si alternano a zone laviche e paludi ed è meta ideale per gli amanti del birdwatching. Terra dell’etnia Luo, nella parte occidentale del paese si trovano: il  Mount Elgon , con meravigliose foreste e numerose grotte, tra cui la Kitum Cave, detta dai Maasai “il luogo delle cerimonie”, ed il  Lake Victoria  per gli appassionati di pesca e birdwatching. Il paesaggio del  Meru  è invece un susseguirsi di distese erbose, dove vagano branchi di bufali ed elefanti, palmeti Dum circondati dalle alture ondulate dei kopjes. La vita nei riarsi territori nel nord del Kenya è portata del grande fiume Ewaso che attraversa le tre riserve:  Samburu ,  Buffalo Springs  e  Shaba . Queste riserve sono rinomate per l’alta presenza di leopardi e varie specie endemiche tra cui la zebra di Grevy, l’antilope Gerenuk, gli orici Beisa, lo struzzo somalo e la giraffa reticolata. Sulle rive est del Lago Turkana si trova il  Sibiloi National Park  che oltre ad ospitare flora e fauna meravigliose è un’area protetta per i numerosi ritrovamenti archeologici, sia di mammiferi che di ominidi effettuati nel Koobi Fora Region. Al centro del Kenya, dopo aver visitato la capitale è da non perdere il  Nairobi National Park  con i rinoceronti neri, il  Lake Nakuru National Park  con oltre 1 milione di fenicotteri e la rara giraffa Rothschild e l’ Aberdare National Park . Con le sue cime frastagliate e nevi equatoriali, il  Mount Kenya  si staglia solenne al centro-sud del paese, con la gigante vegetazione alpina che cede il posto alla fitta foresta di montagna e giungle di bamboo dove hanno trovato il loro habitat ideale varie specie di antilopi, tra cui il raro bongo, elefanti, predatori e tantissimi uccelli. Non si dovrebbe lasciare il Kenya senza aver visitato la sua meravigliosa zona costiera, con infinite spiagge bianche tra Lamu e Mombasa e sede di numerose riserve e parchi nazionali, tra cui  Mombasa National Park & Reserve  e  Tana River Primate Reserve , ed anche i parchi marini Kisite Marine National Park , con oltre 40 varietà di coralli,  Malindi e Watamu Marine Park & Reserve  in cui coloratissimi pesci esotici popolano la meravigliosa barriera corallina e  Diani/Chale Marine Reserve ,con le sue tartarughe marine. Calendario Tour a partenza garantita
Watamu si trova sulla costa kenyota a circa 110 km a nord di Mombasa e 15 km a sud di Malindi. Si estende sul tratto di costa che va dal Mida Creek al villaggio di Mayungu, e, verso l'entroterra fino al villaggio di Gede. Il comprensorio della costa di Watamu è formato dalla spiaggia di Garoda-Turtle Bay, dalla baia denominata Blue Lagoon, dalla baia denominata Watamu Beach, dalla spiaggia di Ocean Breeze, dal tratto di scogliera di Kaanani e dalla spiaggia di Jacaranda. Watamu è parte integrante della Riserva Marina di Malindi e Watamu e, più in particolare, la spiaggia Garoda-Turtle Bay è protetta come Parco Marino in quanto, lungo questo tratto di spiaggia, non è difficile imbattersi in nidi di tartarughe marine nel mese di marzo. Per aiutare il Kenya Wildlife Service nel mantenere pulite e controllate le spiagge di Watamu, la comunità locale assieme ad alcuni operatori turistici della zona hanno formato la Watamu Marine Association. Il villaggio di Watamu è abitato soprattutto dalla tribù Bajuni, derivante dall'incrocio fra gli uomini arabi e le donne Giriama locali all'epoca della tratta degli schiavi. Le zone limitrofe, invece, sono abitate dalla tribù Giriama e dalle altre tribù del Kenya (Kikuyu, Luo, Kisii, Kamba, ecc) che hanno raggiunto le coste kenyote per trovare lavoro nel settore del turismo. Oltre alla popolazione locale, numerosa è la comunità inglese che deriva dall'epoca del colonialismo inglese e la comunità italiana. Altre comunità presenti a Watamu sono quelle indiana, somala e araba.
Mare e relax
Il Parco Marino di Malindi e Watamu
Il Parco delle Mangrovie di Mida
Le Rovine di Gede
La foresta dell'Arabuko Sokoke.
Il canyon di Marafa (poco distante da Watamu)
Il Parco Nazionale dello Tsavo (a circa 5 ore)

Aeroporto di partenza
(puoi selezionare anche più di un'opzione)

Quanto vuoi che duri la tua vacanza?
(puoi selezionare anche più di un'opzione)

Offerte scontate Last Minute Temple Point Resort

19 Nov 2018 - 20 Dic 2018

Prenota o richiedi preventivo personalizzato

Compila il seguente form. Indica nelle note i dati dell'offerta che vuoi prenotare. Per le crociere indica anche la tipologia di cabina desiderata (ad es.: interna, esterna con finestra, balcone o suite). I dati inseriti non saranno divulgati a nessuno.
I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.

Altre partenze per Kenya

Iscriviti alla nostra newsletter

e scopri le nostre offerte!